il-melograno-salva-la-prostata

Il melograno salverà la prostata?

I Melograni messi alla prova per il cancro alla prostata

Scritto da Michael Greger M.D. FACLM il 4 luglio 2019

Traduzione Dr. Domenico Battaglia

Il melograno “è stato venerato attraverso i secoli per le sue proprietà medicinali” – tanto che è stato usato come simbolo per alcune organizzazioni mediche. Un frutto mi sembra una migliore rappresentazione della salute rispetto al serpente dell’American Medical Association su un bastone.

Si pensa che il melograno sia benefico per una vasta gamma di malattie, inclusi diversi tipi di cancro, malattie cardiovascolari e artrite reumatoide.

La maggior parte dell’attenzione nell’ultimo decennio si è concentrata sui melograni e sul cancro alla prostata. Studi in vitro hanno dimostrato che l’estratto di melograno può sopprimere la crescita delle cellule di cancro alla prostata in una capsula di Petri fino al 95%. Non vi sono effetti significativi del succo di melograno nei confronti di cellule sane. Tuttavia, le cellule del cancro alla prostata vengono decimate dall’estratto di melograno, almeno in una capsula di Petri, ma cosa possiamo dire su una persona, in vivo? Se questi risultati venissero tradotti nella clinica, sarebbe fantastico, ma prima dobbiamo provarlo.

“La gestione primaria del cancro alla prostata … consiste in una chirurgia radicale o in una radioterapia.” Nonostante ciò, “un numero significativo di pazienti ha una recidiva di malattia e alla fine sviluppa una malattia metastatica”. Anche dopo la prostatectomia radicale, il tumore ritorna in circa un terzo del pazienti, come evidenziato dall’innalzamento dei livelli di antigene prostatico specifico (PSA). A quel punto, le opzioni di trattamento sono limitate in quanto la prostata è già stata rimossa. Il passo successivo è essenzialmente la castrazione chimica o l’ablazione ormonale. Proprio come il cancro al seno può prosperare sugli estrogeni, il cancro alla prostata può prosperare sul testosterone. Possiamo provare a spazzare via il testosterone, ma questo può avere effetti collaterali così negativi che qualsiasi cosa possiamo fare per ritardare questo evento sarebbe migliore.

Incidenza del cancro alla prostata: non è solo questione di genetica

Gli uomini in Asia sembrano avere il più basso tasso di cancro alla prostata al mondo, fino a dieci volte inferiore a quello degli uomini in Nord America. È semplicemente a causa della genetica? No! Quando le persone giapponesi si trasferiscono negli Stati Uniti e iniziano a vivere e mangiare come i locali, i tassi di cancro al seno e alla prostata si uniformano ai tassi della popolazione statunitense. Potrebbe essere a causa di ciò che iniziano a mangiare in maggior quantità: prodotti di origine animale, che sono il più forte fattore di rischio per il cancro alla prostata in tutto il mondo, paese per paese. Oppure, potrebbe essere a causa di quello che stanno mangiando meno negli Stati Uniti, vale a dire la loro dieta tradizionale a basso contenuto di grassi, ricca di fibre, generalmente ricca di piante con prodotti a base di soia e tè verde. Quindi, i ricercatori hanno inserito i pazienti oncologici in una dieta a base vegetale? No, hanno solo fatto bere una tazza di succo di melograno ogni giorno. Perché? Perché lo studio è stato finanziato da una compagnia di succhi di melograno.

Nei tre anni precedenti allo studio, il cancro dei partecipanti era in costante aumento, come misurato dall’aumento dei livelli medi di PSA. Una volta iniziato il succo, i loro tumori continuarono a crescere, ma sembrava che stessero crescendo più lentamente. Al contrario, Dean Ornish e i suoi colleghi hanno avuto un’evidente inversione nella crescita precoce del cancro alla prostata con una dieta a base vegetale e altri cambiamenti nello stile di vita sano. In effetti, il PSA non si è limitato a rallentare: è diminuito. Il siero del sangue di coloro che mangiavano sano sopprimeva la crescita del cancro quasi otto volte meglio, mentre il sangue degli uomini sul succo di melograno sopprimeva la crescita del cancro solo di circa il 12 %.

Effetto placebo e tumore alla prostata: una semplice coincidenza?

Il problema è che non c’era alcun gruppo di controllo nello studio del succo di melograno. Potremmo dire che i pazienti hanno agito come propri controlli, prima e dopo. Probabilmente non è solo una coincidenza che i loro tumori hanno iniziato a crescere più lentamente proprio quando hanno iniziato il succo. Una sperimentazione di farmaci ha cercato di fare la stessa cosa: trattare gli uomini con carcinoma prostatico ricorrente dopo un intervento chirurgico o una radiazione. Nel gruppo farmacologico, la crescita del tumore è rallentata nel 55% degli uomini. Un farmaco piuttosto efficace, giusto? Bene, la pillola di zucchero ha funzionato il 73% delle volte. L’effetto placebo può essere così potente da rallentare la crescita del cancro. Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di studi controllati con placebo.

Infine, i ricercatori hanno condotto uno studio randomizzato e controllato sul succo di melograno per il cancro alla prostata e l’assunzione giornaliera di melograno non ha avuto alcun impatto. Cosa significano, nessun impatto? Il 25% dei pazienti oncologici sembra aver ristretto i loro tumori non appena hanno iniziato a bere il succo di melograno, ma il 35% ha ridotto i loro tumori senza bere succo di melograno. Quindi, qualsiasi effetto sembra essere solo un placebo. È la stessa storia con le pillole dell’estratto di melograno: sembravano funzionare fino a quando non si mettevano a confronto con le pillole di zucchero.

Prendersi cura del proprio corpo in modo efficace attraverso la disintossicazione fisica. Leggerezza, Lucidità e un grande senso di benessere fisico e mentale. Maggiore consapevolezza nei confronti della tua salute. Il Detox non è la soluzione di tutti i mali, ma fa parte di un efficace “input” nel percorso di trasformazione di ciascuno di noi.