Vuoi risolvere il tuo problema di

Ipertrofia prostatica

Riduci il disagio di continui risvegli notturni o di snervanti attese mattutine.

CHIAMA ORA!

L’ipertrofia prostatica benigna, è una patologia della prostata fra le più diffuse nell’uomo. Si caratterizza per un aumento di volume della ghiandola prostatica. Il suo sviluppo è ancora sconosciuto, forse il cambiamento dell’assetto ormonale nel maschio può essere correlato, a anche gli stili di vita l’alimentazione  e l’obesità possono avere un ruolo. Interessa maggiormente gli uomini di oltre i 60 anni di età, provocando un progressivo peggioramento della qualità di vita.

    Cos’è la prostata?

    La prostata è una ghiandola dell’apparato genitale maschile. La sua funzione principale è quella di produrre ed emettere il liquido prostatico, che contiene gli elementi necessari a nutrire e veicolare gli spermatozoi.

    Con il passare degli anni ed il permanere di stili di vita scorretti, si determina un aumento dello stimolo della crescita della componente centrale della prostata provocando difficoltà di svuotamento delle basse vie urinarie.

    Quali sono i sintomi 

    • Diminuzione del getto urinario, magari associato ad attesa nell’inizio della minzione
    • Minzioni frequenti di giorno e di notte,
    • Urgenza minzionale (bisogno urgente di urinare, a volte con perdita involontaria di qualche goccia di urina),
    • Minzione in più tempi, a causa di un mancato completo svuotamento della vescica,
    • Gocciolamento post-minzionale.
    • Nei casi più gravi si può assistere alla ritenzione acuta di urina ed al fenomeno dell’iscuria paradossa (ritenzione urinaria che fa traboccare all’esterno le urine mimando una incontinenza urinaria), in questi casi è necessario il ricorso al posizionamento catetere vescicale.

    Quali sono le complicanze più frequenti 

    • Infezioni urinarie frequenti (Prostatiti acute e croniche).
    • Ematurie frequenti e recidivanti (sangue nelle urine).
    • Emospermia (sangue nello sperma)
    • Calcolosi vescicale. Il sedimento urinario di cristalli nella vescica sono alla base della formazione dei calcoli.
    • Insufficienza renale cronica, secondaria alla condizione di ostruzione cronica, provoca una dilatazione delle vie urinarie alte con compromissione della funzione renale.
    • Compromissione della funzionalità vescicale, secondaria all’ostruzione, determina una lenta e progressiva perdita di forza contrattile ed elastica della vescica.

    Come si può curare la prostata

    Farmaci di sintesi

     Finasteride e Dutasteride

    Questi farmaci, si propongono mediante un blocco ormonale di arrestare l’evoluzione dell’ipertrofia prostatica benigna.

    • Alfa litici: Il loro meccanismo di azione è quello di rilassare la muscolatura liscia del collo vescicale.

     Alcuni eventi come deficit erettile (duta- e fina- steride), ipotensione arteriosa ed eiaculazione retrograda (alfa litici) possono presentarsi durante l’assunzione.

    Farmaci naturali

    La Serenoa repens, il Pygeum africanum, l’Urtica dioica, l’olio di Semi di zucca, l’Epilobio, l’Ortosiphon, l’Olio Essenziale di Sandalo.

    Queste sostanze estratte dalle piante corrispondenti, agiscono in modo simile ai farmaci chimici, ma spesso hanno minori effetti collaterali. Rappresentano una terapia “dolce” che può prevenire e curare vari disturbi.

    Chirurgia

    Il trattamento chirurgico può essere preso in considerazione nei casi in cui non vi è altra scelta terapeutica.

    Lo scopo è quello di eliminare la porzione centrale della prostata tramite un intervento di chirurgia endoscopica (senza taglio).

    Contattami e inizia a stare meglio